Seguici su

Rassegna di musica e teatro "Thermae Theatrum" - Dal 4 luglio al 29 agosto 2023 - SPETTACOLO 29/08 ANNULLATO PER PREVISTO MALTEMPO

Pubblicata il 26/08/2023

Lo spettacolo teatrale in programma martedì 29 agosto 2023 è annullato per previsto maltempo. Lo stesso sarà recuperato a data da destinarsi.

Martedì 4 luglio, ore 21:15
Area archeologica di via degli Scavi
I SOLISTI VENETI in "Ensemble Vivaldi"

L'Ensemble Vivaldi, formazione cameristica composta dai più popolari membri de I Solisti Veneti, dedica la sua attività prevalentemente al Barocco veneziano caratterizzandosi per il frequente inserimento, nei propri programmi, di composizioni che ne dilatano il repertorio verso opere e autori di epoche diverse.

I Solisti Veneti festeggiano nel 2023 il proprio 64.mo anno di attività. Fondati nel 1959 da Claudio Scimone, ha ottenuto i più alti riconoscimenti mondiali in campo musicale, dal Grammy Award di Los Angeles ai Grand Prix du disque dell’Académie Charles Cros di Parigi e dell'Académie du Disque Lyrique, fino all’originale Premio del Festivalbar e il Premio "Una vita nella musica" dell'Associazione Rubinstein, considerato in Italia il Nobel della musica. Sono stati al centro di importanti programmi televisivi tra cui "Le Sette Parole" di Haydn nella Cappella degli Scrovegni (regia di Ermanno Olmi), "Vivaldi peintre de la musique" di François Reichenbach. Hanno collaborato con i massimi cantanti e solisti della nostra epoca da Placido Domingo a Marilyn Horne, James Galway, Salvatore Accardo, Uto Ughi fra gli altri.
Dal 1965, sono stati i primi in Italia a suonare per i bambini nelle scuole, e tengono master class sull'interpretazione della musica veneta sia all'estero che in Italia, dove organizzano annualmente l'Accademia de I Solisti Veneti.
Nel nome e nel segno di Claudio Scimone, scomparso nel 2018, Clementine Scimone, Giuliano Carella e l'Orchestra continuano a perpetuare la sua eredità spirituale ed estetica.

Martedì 11 luglioore 21:15
Area archeologica di via degli Scavi
PEM - Prometeo

In scena: Davide Antenucci, Andrea Caiazzo, Chiara Dello Iacovo, Pietro Maccabei, Eva Meskhi, Erica Nava, Enrica Rebaudo, Edoardo Roti, Letizia Russo, Lorenzo Tombesi, Gabriele Valchera
Regia Gabriele Vacis
Co-produzione Teatro Olimpico di Vicenza, CMC nido di ragno, PEM Impresa Sociale

Abbiamo molte storie sulla nascita dell'uomo. Nella mitologia greca stessa non esiste un'unica storia. Una delle più accreditate racconta degli dei che avevano sconfitto i loro antenati, i titani. Quindi Zeus diventò il re degli dei, con l'aiuto di Prometeo. Prometeo è figlio di un titano, Giapetoe di sua sorella Rea, la generazione più antica, nata direttamente dal cielo e dalla terra. Prometeo però, presumibilmente, appartiene alla generazione di Zeus. Quindi è un giovane che si ribella ai suoi stessi genitori alleandosi con i suoi coetanei. Gli uomini non sono ancora stati creati. Quando gli dei si rendono conto che non c'è un animale in grado di governare su tutti gli altri decidono di creare l'uomo. L'incarico viene affidato a Prometeo, perché lui è "l'accorto, quello che vede prima cosa succederà. Siamo proprio all'inizio, quindi. Quando gli dei sono nati da poco e gli uomini stanno per nascere. È un tempo giovane. La tragedia di Eschilo coglie il momento del conflitto tra Zeus e Prometeo, dopo che il figlio del titano ha protetto gli uomini, la sua creazione, dal dio capriccioso a cui gli uomini già non piacevano più, era geloso perché assomigliavano troppo agli dei. E come li protegge Prometeo? Donando loro il fuoco, cioè la tecnologia. Quando Zeus scopre che il suo amico gli ha rubato il fuoco per donarlo agli uomini si sente tradito e punisce Prometeo nel peggiore dei modi: lo spedisce ai confini del mondo, che per i greci era il Caucaso, e lo fa incatenare ad una rupe dove tutte le mattine un’aquila verrà a divorargli il fegato che ogni notte gli ricresce. Nel tempo Prometeo è stato simbolo della ribellione. È un personaggio che i giovani amano perché, come loro, non riesce a contenere i suoi sentimenti e la sua forza dei recinti stabiliti dalle convenzioni, quindi la sfida all’autorità costituita è la sua condizione vitale. Poi Prometeo è anche l'archetipo della conoscenza tecnologica e scientifica liberata dalle catene della superstizione e dell'ignoranza.

Martedì 18 luglioore 21:15
Area archeologica di via degli Scavi
LELLA COSTA in "Pinocchio Confidential"
di Lella Costa e Gabriele Vacis
regia Gabriele Vacis
tratto dal romanzo "Le avventure di Pinocchio. Storia di un burattino" di Carlo Collodi
produzione Teatro Carcano
distribuzione a cura di Mismaonda

Chi non ha mai letto Pinocchio? Considerato uno dei capolavori della letteratura italiana, Le Avventure di Pinocchio. Storia di un Burattino, è il romanzo più conosciuto e famoso di Carlo Collodi che uscì, nella sua versione completa, nel 1883. Nel 2023 saranno quindi 140 anni dalla nascita di questo romanzo che ha incantato generazioni di bambini. Pinocchio è un'icona universale fra le più celebri e riconoscibili, e alcuni concetti originali del libro sono diventati parte della cultura popolare mondiale, in particolare la metafora visiva del naso lungo per rappresentare le bugie. Il piccolo burattino, ci insegna la più grande delle lezioni, che per la salvezza occorre la verità, la conoscenza e il rispetto, e che è necessario attraversare e coltivare la disobbedienza poiché essa ci aiuta a diventare esseri umani, autentici. Lella Costa e Gabriele Vacis tornano ad affrontare un grande classico con il loro consueto stile, analizzando, scomponendo e ricomponendo la storia per cercarne i temi profondi che la rendono universale e pardigmatica, offrendoci così numerose chiavi di lettura del nostro quotidiano. A partire da quelle bugie che oggi si chiamano fake news fino a tutte le sfumature della menzogna.
Nel 2023 Giunti Editore pubblicherà l'audiolibro di PINOCCHIO letto da Lella Costa dando l'avvio ad una serie di reading pubblici che anticiperanno lo spettacolo.

Domenica 30 luglioore 21:15
Area archeologica di via degli Scavi
GIULIANA MUSSO in "Sex Machine - Un popolo di santi, poeti, navigatori e puttanieri"

di e con Giuliana Musso e con "Igi" Gianluigi Meggiorin
Regia Massimo Somaglino
Collaborazione al soggetto Carla Corso
Suono e luci Claudio Poldo Parrino
Produzione La Corte Ospitale
20th ANNIVERSARY TOUR!

«Le prostitute si possono chiamare in molti modi. I clienti si chiamano clienti»
Affresco di una società contemporanea vista da una particolare angolazione, quella del sesso a pagamento, lo spettacolo vede Giuliana Musso dar voce ed anima a sei personaggi, quattro uomini e due donne, che, visti in sequenza, formano un quadro di contemporanea umanità, complessa, multiforme, ridicola (sebbene mai parodistica). Dino, simpatico pensionato, nostalgico delle case chiuse. Vittorio, agente di commercio, il cliente perfetto. Monica, moglie e madre, fiera rappresentante della sua categoria. Silvana, esperta professionista del sesso. Igor, ventenne, magazziniere, appassionato di lap-dance. Sandro, imprenditore nordestino alla ricerca di qualcuno con cui parlare. Hanno tutti in comune due cose: appartengono alla cultura del nord-est (terra di campanili e lapdance) e trovano soddisfazione ai loro bisogni e ragione alle loro paure nel variegato e complesso mondo dei rapporti sessuali a pagamento. La musica originale suonata dal vivo da Gianluigi Meggiorin offre allo spettatore lo spazio per ascoltare ciò che non si può raccontare, è sostegno e contrappunto alla stupefacente credibilità dei personaggi. L’interazione tra personaggi, musica e pubblico in sala, direttamente coinvolto dagli interpreti, ha fatto di questo spettacolo un piccolo fenomeno teatrale in sospeso tra il cosidetto "teatro civile", e il cabaret.

Giovedì 3 agostoore 21:15
Area archeologica di via degli Scavi
Barabao Teatro in "CAROSELLO"

Produzione: Barabao Teatro - A Movement Theatre Company
con: Cristina Ranzato, Romina Ranzato, Ivan Di Noia, Oscar Chellin
Scenografia: Francesco Di Noia, Roberta Bianchini
Arrangiamenti Canori: Oscar Chellin
Arrangiamenti Musicali: Valentino Favotto
Foto di Scena: Damiano Xodo
Regia: Romina Ranzato
Genere: Spettacolo di Varietà Durata: 70 - 75 minuti Età: dai 6 ai 106 anni

In Italia nel 1954 nacque la televisione e con essa i primi programmi televisivi. Allora i trasmettitori erano davvero pochi, così gli italiani, con la loro sedia si ritrovavano al bar del paese per poter assistere a quella meravigliosa invenzione tecnologica. Da qui, parte il nostro spettacolo: un susseguirsi di Pièce Teatrali, Canzoni, Coreografie con il desiderio di riportare alla ribalta una parte della nostra storia legata ad uno stile di spettacolo che sta ormai scomparendo e che ci piace rievocare. Un’epoca dove a farla da padrona era una comicità mai volgare, gli attori erano raffinati portavoce di gag esilaranti, la musica accompagnava la vita di ciascuno con brio e ogni tipo di pubblico ne era coinvolto con poliedrica maestria. Da Walter Chiari al Quartetto Cetra, da Bice Valori al Trio Lescano passando da Ave Ninchi, all’Intervallo e al Carosello da cui lo spettacolo prende il nome. In una girandola che vuole essere un nuovo ritorno al sano, meraviglioso, leggero, elegante, divertente, poetico spettacolo di Varietà.

Martedì 22 agostoore 21:15
Area archeologica di via degli Scavi
BANDA OSIRIS in "Le note dolenti"


La Banda Osiris nasce nel 1980 a Vercelli. Nei primi anni di attività si dedica prevalentemente a spettacoli di strada. L'originalità della proposta che fonde musica, teatro e comicità riscuote un immediato successo. Dalla strada il passo successivo è il teatro. Nascono diversi spettacoli: da Storia della Musica vol. 1 e 2 (regia di Gabriele Salvatores) a Le Quattro Stagioni da Vivaldi (regia di Gabriele Vacis), da Sinfonia Fantastica (regia di Maurizio Nichetti) a Roll Over Beethoven con il Quartetto Euphoria, Guarda che Luna con Enrico Rava, Gianmaria Testa e Stefano Bollani, protagonista quest’ultimo anche di Primo Piano, Diabolus in musica con l’orchestra metropolitana di Lisboa, Banda.25, Italiani, Italieni, Italioti con Ugo Dighero e scritto da Michele Serra, un dissacrante Pierino e il Lupo gravemente contaminato. Oltre ad aver partecipato a numerose trasmissioni televisive in Italia e all’estero (DOC, Pista!, Maurizio Costanzo Show, Per un pugno di libri solo per citarne alcune), il gruppo ha scritto diretto e realizzato per Rai3 lo special Musica coi fiocchi con la Demo Morselli Band e l’ironico Concerto di Capodanno 2005 con l’Orchestra del Conservatorio di Genova. Nelle ultime stagioni ha partecipato alla trasmissione Parla con me con Serena Dandini e Dario Vergassola, occupandosi della realizzazione ed esecuzione di una stralunata colonna sonora live. Proficuo anche il rapporto con i tre canali radiofonici della Rai che ha visto la Banda impegnata nel doppio ruolo di autori e conduttori in diverse trasmissioni, e in quello di compositori di sigle per trasmissioni quali Caterpillar, Catersport, Sumo, Un giorno da pecora e altre ancora. La Banda ha inoltre scritto ed eseguito colonne sonore per il teatro, per documentari e per il cinema tra cui Anche libero va bene di Kim Rossi Stuart, L’imbalsamatore e Primo amore di Matteo Garrone con cui ha meritato nel 2004 l’Orso d’argento al Festival di Berlino e il David di Donatello,
e l’ultimissimo Qualunquemente con Antonio Albanese. L’ultimo lavoro della versatile band è un Cd per Radio Fandango dal titolo Banda.25, che ha dato origine a un DVD e a una divertente mostra sulla musica, ulteriore tassello di una continua ricerca su nuovi e fantastici mondi sonori.
La Banda Osiris è composta da: Sandro Berti (mandolino, violino, trombone), Gianluigi Carlone (voce, sax), Roberto Carlone (trombone, pianoforte), Giancarlo Macrì (percussioni, batteria, bassotuba).

SPETTACOLO ANNULLATO PER PREVISTO MALTEMPO
Martedì 29 agostoore 21:15
Area archeologica di via degli Scavi
Green Orchestra in "Beatles Today"

L’orchestra propone i grandi classici dei The Beatles rivisitati per small big band più quartetto d’archi con voce femminile solista, grazie agli arrangiamenti originali e la direzione del Maestro Ettore Martin. Il progetto crea un perfetto ponte tra la musica pop dei The Beatles e il jazz delle grandi orchestre, con un guizzo di modernità, rendendo fruibile lo spettacolo ad un pubblico appassionato e non delle diverse correnti stilistiche. I The Beatles vengono così “elegantemente vestiti” da un grande organico senza perdere l’immediatezza e l’efficacia delle loro composizioni. Il repertorio così costituito si presta ad essere eseguito in diverse tipologie di rassegne musicali e culturali, riuscendo a suscitare curiosità e stupore, proponendo un approccio di facile ascolto, senzaperd ere o sacrificare la raffinatezza e la complessità degli arrangiamenti creati. L’organico è composto da 17 elementi tra direttore, voce, sassofoni, trombe, tromboni, archi, chitarra, basso e batteria. Nel corso degli anni la Green Orchestra ha avuto la possibilità di esibirsi in diverse e importanti rassegne musicali e festival, come Trieste Jazz Festival, Vicenza Jazz, Rassegna Ebano - Giardini dell’Arena (Padova). Nel 2021 esce, con l’etichetta Blue Serge, il primo album, l’omonimo Beatles Today!, che segna un risultato importante per l’orchestra e per l’Associazione. Il progetto è di estrema rarità ed unico, in quanto si tratta di arrangiamenti mai suonati da nessuna altra formazione, con un organico di particolare interesse e senza possibilità di essere replicato da altre realtà musicali al di fuori della Green Orchestra. Tutto il repertorio è composto da canzoni dei The Beatles arrangiate dal maestro Ettore Martin.

BIGLIETTI E INFORMAZIONI SUGLI SPETTACOLI
È previsto un unico biglietto intero a 15,00 euro, ridotto 12,00 euro per under 12 e over 65.
Il biglietto di ingresso offre la possibilità di prenotarsi gratuitamente per una visita con l'archeologo nel sito dell'evento. Per informazioni e prenotazioni: info@museodeltermalismo.it - 3336559909.

I biglietti possono essere acquistati in prevendita su www.liveticket.it/marealtoteataro o www.marealtoteatro.it, oppure presso l'area archeologica di via degli Scavi il giorno dello spettacolo a partire da un'ora prima dell'inizio.

Informazioni sugli spettacoli e sulla biglietteria al numero 3484410815 - spettacoli@marealtoteatro.it - eventi@montegrotto.org.

Allegati

Nome Dimensione
Allegato Locandina Thermae Theatrum 2023.pdf 489.01 KB


Facebook Twitter
torna all'inizio del contenuto